top of page
Fiat 850 Sport Racer Berlinetta CLASSIC CAR AUTO STORICA D'EPOCA VENDITA FOR SALE

Fiat 850 Sport Racer Berlinetta

I simboli che porta parlano da soli, un piccolo grande gioiello che sa descrivere cosa è stata la passione per l'automobile a Torino e in Italia. Bellissima, anche per iniziare una collezione che nel tempo crescerà in numero e in valore. Certificato Asi. 

 

The symbols it wears speak for themselves, a great little gem that can describe what the passion for the automobile has been in Turin and in Italy. Beautiful, also to start a collection that over time will grow in number and value. ASI certified. 

Anno - Year: 1969
Km : 03569
Motore - Engine: 903 cc
Cv - Hp: 50
Velocità massima - Top speed: 150 Km/h
  • Il modello

    “Questo piccolo gioiello mi ha fatto ricordare la prima volta che sono entrato nello stabilimento Bertone a Grugliasco, era il 2012 e stavo lavorando alla mia seconda Worldwide Convention Maserati che si sarebbe tenuta li. Eravamo i primi ad entrare, in quel luogo si sarebbe prodotta da lì a poco la nuova Quattroporte e i dealers di tutto il mondo, oltre a vederla per la prima volta, avrebbero visto anche la maquette della nuova Ghibli. Che dire, i carrozzieri come Bertone hanno in maniera determinante creato forme che hanno davvero reso possibile il successo di tanti marchi italiani, erano dei sarti, avevano una passione che dava forma ad oggetti che andavano oltre le logiche aziendali, dovevano creare e lasciare la loro firma, questo era sufficiente per avere ognuno la loro personalità. Simbolo di questo mondo questa rara Fiat 850 Sport Racer nella versione Berlinetta, caratterizzata da un padiglione metallico rivestito in materiale vinilico in luogo della capote, non rimovibile ma imbullonato alla carrozzeria per farla diventare una vera e propria coupe’. Il cuore qui nella versione da 903 cc e 50 cv capace di farla viaggiare ad oltre 150 Km/h. Questo esemplare è del 1969, parte di una gamma fuoriserie creata proprio dalla Carrozzeria Bertone dove ogni singolo dettaglio, piacevole sia alla vista che al tatto, la rende un bellissimo oggetto da collezione accessibile a molti. Il mio sogno? Che vada ad un giovane neopatentato che possa portarla in giro per raduni e raccontare la sua storia per i prossimi cinquant’anni.” 

     

     

     

    Per maggiori informazioni

    contattami ai seguenti recapiti:

    ​Cellulare +393383377294

    ​E-mail massimo@mlcitaly.com

    ​Grazie.

    ​Massimo Cervelli

  • The model

    "This little gem reminded me of the first time I entered the Bertone factory in Grugliasco, it was 2012 and I was working on my second Maserati Worldwide Convention that was to be held there. We were the first to enter, the new Quattroporte would soon be produced in that place and dealers from all over the world, in addition to seeing it for the first time, would also see the maquette of the new Ghibli. 

    What can I say, coachbuilders like Bertone have decisively created shapes that have really made possible the success of many Italian brands, they were tailors, they had a passion that gave shape to objects that went beyond the logic of the company, they had to create and leave their signature, this was enough to have each their own personality.

    Symbol of this world is this rare Fiat 850 Sport Racer in the Berlinetta version, characterized by a metal roof covered in vinyl material instead of the soft top, not removable but bolted to the bodywork to make it become a real coupé.

    The heart here in the 903 cc and 50 hp version capable of making it travel at over 150 km/h. This model is from 1969, part of a custom-built range created by Carrozzeria Bertone where every single detail, pleasant both to the eye and to the touch, makes it a beautiful collector's item accessible to many. My dream? Let it go to a young newcomer who can take it around to rallies and tell its story for the next fifty years." 

     

     

     

    To get more information 

    please reach me at:

    Mobile +393383377294

    Email massimo@mlcitaly.com

    Thank you.

    Massimo Cervelli

bottom of page